Paga in 3 rate con PayPal

Sport ed infortuni

Con il termine infortuni si intende la conseguenza di un incidente fisico che porta il soggetto ad un deficit motorio o comunque lo rende incapace di svolgere le normali attività quotidiane.

Ovviamente dobbiamo distinguere tra infortuni gravi ed infortuni meno gravi. Se ci spacchiamo ad esempio una gamba c'è poco da fare. Con tutta l'attenzione che si può avere, se qualcuno ad esempio ci tira sotto con l'auto, possiamo prevenire ben poco. Anche in quest'ultimo caso però aprirò una nota più avanti in questo articolo. Facciamo una breve panoramica degli infortuni più comuni e poi passiamo alle azioni da compiere per prevenirli.

Infortuni nello sport

In genere rientrano tra gli infortuni di minore entità come ad esempio gli strappi muscolari, le distorsioni, le tendiniti e i crampi.

Strappi muscolari

Lo strappo muscolare può essere definito anche con il termine di distrazione muscolare. È caratterizzato da una lesione parziale o completa di un fascio di fibre muscolari. In genere gli sport implicati sono quelli di potenza o sport esplosivi. Ad esempio sport quali il body building, powerlifting, gare di sprint, calcio.

Le lesioni possono essere di tre gradi:

Lesione di primo grado

La lesione comporta solo uno strappo di circa il 5% delle fibre muscolari. Si avverte un fastidio ma è possibile eseguire ancora il movimento senza particolari problemi ne perdita di forza.

Lesione di secondo grado

Il numero di fibre coinvolte inizia ad essere importante ed il dolore è acuto. Si può eseguire il gesto atletico ma si avverte forte dolore ad ogni contrazione del muscolo interessato.

Lesione di terzo grado

La lesione di terzo grado è gravissima. Quasi i 3/4 delle fibre sono tranciate di netto ed il dolore è fortissimo. La lesione si avverte pure al tatto. L'atleta che subisce un infortunio di tale entità, soprattutto se interessa gli arti inferiori, si accascia al suolo e non può più muoversi per il forte dolore.

Distorsioni

La distorsione è caratterizzata da un allungamento o lesione dei legamenti di un'articolazione. In genere le articolazioni più a rischio sono quella della caviglia, quella del ginocchio e quella della spalla. Anche qui ci sono tre gradi di lesioni dalla meno grave alla più grave.

Tendiniti

La tendinite, come dice la parola stessa, è un infiammazione a carico dei tendini dovuta all'abuso di particolari articolazioni nello sport, ma può essere dovuta anche a cattive posture, sovrappeso o derivare dalla presenza di altre patologie come diabete, ipercolesterolemia, gotta e artrite reumatoide.

Crampi

I crampi non sono altro che una contrazione involontaria della muscolatura striata. I crampi sono causati in genere da uno squilibrio idrosalino, ovvero da uno sbilanciamento tra idratazione e concentrazioni di elettroliti. I crampi in genere vengono in caso di eccessivo sforzo fisico nello sport (ma non solo) da parte di principianti che non sono ancora abituati a determinati volumi di lavoro. Possono essere dovuti anche ad un connubio tra cattiva alimentazione e attività fisica. Chiaramente nei periodi in cui si perdono più liquidi attraverso la sudorazione, è più frequente che si presenti questo tipo di disturbo.

Prevenzione degli infortuni nello sport

Se vi infortunate spesso durante l'allenamento è perché non preparate i vostri muscoli e le vostre articolazioni all'esecuzione dell'esercizio fisico.

La muscolatura, le articolazioni ed i tendini a riposo, sono come un auto posteggiata all'aperto in una giornata d'inverno, sono freddi! Quando avviamo un auto, se il motore non arriva alla giusta temperatura, non va bene e se spingiamo troppo rischiamo di fare un danno.

Lo stesso avviene con il nostro corpo. Se prima di allenarci non riscaldiamo bene le varie articolazioni, a maggior ragione quelle più mobili come la scapolo omerale (articolazione della spalla), rischiamo seriamente di infortunarci.

Quindi il primo consiglio per non subire infortuni durante la pratica di uno sport è il riscaldamento!

Un altra pratica molto importante che in genere viene svolta subito dopo l'allenamento è lo stretching. Lo stretching permette di allungare i muscoli ed i tendini e rilasciare la tensione che hanno acquisito. Se invece eseguiamo lo stretching prima dell'allenamento, durante la fase di riscaldamento, li rendiamo più elastici e quindi meno soggetti a danni da tensione meccanica.

Esecuzione degli esercizi

La corretta esecuzione degli esercizi, ad esempio in sala attrezzi, è di fondamentale importanza per evitare infortuni. Se ad esempio non sappiamo eseguire lo squat come si deve, non aumentiamo il carico, perché all'aumentare del carico, se l'esercizio è eseguito male, aumenta il rischio anche di farsi male. Quindi chiedete all'istruttore o un vostro amico più esperto di seguirvi durante l'esecuzione dell'esercizio. Se il vostro schema motorio continua ad essere errato, abbassate il carico e cercate di imparare prima il corretto movimento. Potete aiutarvi con dei video su YouTube, ad esempio visitando il canale di Umberto Militello, uno dei personal trainer più famoso in rete.

Altri consigli per principianti

Se non vi siete mai allenati in vita vostra, aumentate l'intensità ed il volume degli allenamenti in maniera dolce e graduale. Non passate dalla totale sedentarietà a svolgere 3 ore di allenamento al giorno! Il corpo ha bisogno di adattarsi ai nuovi stimoli, in questo caso si deve adattare allo stimolo allenante tramite la super compensazione.

Assumete sempre le giuste calorie durante la giornata ed assumete dei carboidrati veloci prima di ogni allenamento per evitare anche possibili svenimenti durante l'allenamento i quali manco a dirlo potrebbero portarvi ad infortuni anche gravissimi.

Non vi allenate se non vi sentite in buona salute

Se non siamo in salute sembra quasi scontato dire che non è il caso di praticare sport. Per salute intendo non solo fisica, ma anche mentale. Se siamo troppo stanchi mentalmente, da un lato l'attività fisica ci può donare sollievo, perché è un toccasana per scaricare lo stress e rilassarci. Dall'altro lato però se non siamo abbastanza presenti e quindi concentrati, rischiamo di eseguire male gli esercizi e quindi di infortunarci.

Da qui mi collego al cenno fatto all'inizio dell'articolo. Se la nostra mente è stanca e divaga e non siamo presenti perché sempre immersi nei nostri pensieri, rischiamo infortuni non solo quando pratichiamo sport, ma anche nella vita di tutti i giorni. Se ad esempio non siamo lucidi ed andiamo in moto, possiamo non accorgerci di un ostacolo o di una buca durante il percorso. Quindi avere la lucidità mentale è importantissimo per evitare spiacevoli infortuni.

Come dicevo, lo sport aiuta a ritrovare la lucidità mentale perché il corpo e la mente sono interconnessi e quindi quando facciamo qualcosa di buono per la salute del nostro corpo ne ha giovamento anche la nostra mente. Allo stesso tempo se non siamo per niente lucidi e siamo stanchi mentalmente, prendiamoci una pausa anche dagli allenamenti e cerchiamo di recuperare anche la stanchezza mentale.

In questo articolo non parleremo delle cause della stanchezza mentale e del perché siamo sempre più distratti o cerchiamo spesso forme di ricompensa rapida come ad esempio quella che ci danno i social network. Ma come dicevo, è di fondamentale importanza non trascurare anche questo aspetto.

Conclusioni

Lo sport assieme all'alimentazione, l'atteggiamento, ed alla meditazione è uno dei pilastri fondamentali per mantenerci in perfetta salute psicofisica ed anche per essere più felici. Se però non adottiamo determinati accorgimenti rischiamo spiacevoli sorprese. Quindi per evitare infortuni nello sport, basterà allenarsi con criterio e seguire le semplici linee guida citate in questo articolo.

Leave a comment